La Fondazione Nazionale Francisco Franco aderisce e sostiene il seguente appello

29 de septiembre de 2020 por Redacción FNFF

Compartir en:

APPELLO IN DIFESA DELLA MONUMENTALE CROCE DELLA VALLE DEI CADUTI COME SIMBOLO DELLA FONDAMENTA DELLA NOSTRA CIVILTÀ

 

A tutti i fedeli nel mondo e tutte le persona di buona volontà:

 

La storia del cristianesimo è una storia di persecuzione, quella di Diocleziano a quella che i nostri filli nella fede soffrono oggi in molti paesi, maggioranza musulmana, attraverso la Rivoluzione Francese, i "Cristeros" del Messico o - nel passato s. XX secolo - la persecuzione dei cristiani nei Paesi comunisti.

 

Spagna, “terra di Maria”, como disse S. Giovanni Paolo II, è stata cristiana da quando l´apostolo Giacomo arrivò sulla penisola nel s. 1º d.C., è sempre stata in prima línea nella difesa del cristianesimo, contro l`impero musulmano per otto secoli, contro i turchi in seguito e contro le numerose eresie dell`Europa medievale e moderna in seguito, e, inoltre, è stata il grande evangelizzatore del mondo, dalle Filippine fino alla Terra del Fuoco. Spagna, il semenzaio dei martiri e dei Santi, non può essere compresa senza la fede di Cristo, proprio come in Europa. E in Spagna, nemmeno un secolo fa, tra il 1934 e il 1939, i cristiani hanno sofferto une delle più grandi e sanguinose della storia di un`oscura coalizione di socialiti, comunisti e anarchici che si chiamava “Fronte Comune”, con più di 8.000 religiosi e diverse migliaia di laici brutalmente assassinati, uccisi solo ed exclusivamente per la loro fede, oltre a sopportare il saccheggio e la dristruzione di una buona parte dei luoghi di culto e degli istituti religiosi di ogni tipo, che hanno aperto una ferita che il popolo spagnolo ha impegnato molto tempo a guarire ma che, in un ammirevole esercizio di generosità e riconciliazione, è riuscito a chiudere decceni fa.

 

Come emblema di quella riconciliazione, e come omaggio a tutte le vittime, di qualsiasi parte, che hanno sofferto le conseguenze –in molti casi sacrificando la vita- di quiei drammatici eventi, nel 1958 fu completato un imponente complesso monumentale vicino a Madrid, la Valle dei Caduti,

“símbolo dell`unità e della fratellenza tra tutti gli spagnoli”, dove più di 30.000 persone morte nella Guerra Civile hanno ricevuto una sepultura cristriana, vincitori e vinti, e che comprende una basilica papale, un'abbazia benedettina esemplare, centro importante per lo studio della dottrina sociale della Chiesa e la più grande croce della cristianità.

La Valle dei caduti, dalla sua inaugurazione, non è altro che un immeso cimitero, un imponente tempio cattolico e, sopratutto, un luogo della memoria, della riconciliazione e del ricordo di ciò che non deve più accadere.

 

Da qui facciamo conoscere il mondo dell`orbe cristiano che:

 

Il Governo socialista/comunista/secessionista della Spagna ha presentato al Parlamento un disegno di legge che cerca di ri-significare tutta la Valle dei Caduti, di denatulizzare la ragione della sua esistenza l`espulsione della comunità benedicttina, nel suo caso, in defitiniva, la demolizione della Croce, come chiedono da tempo i partner comunista del Sig. Sanchéz; infatti la vice presidente del Governo, Sig.ra Calvo, in recenti dichiarazione ai media, non ha negato che questo provvedimento sarà oggetto di “riflessione”.

 

Di fronte all`impotenza che noi cristiani spagnoli sentiamo in questo momento, facciamo un APPELLO a tutti i nostri fratelli in Cristo, qualunque sia la sua nazionalità, in tutto il mondo, per aiutarci con le loro preghiere e con tutte le azioni mediatiche neccesarie per evitare il sacrilegio.

 

Una CHIAMATA che facciamo dall`impegno per la verità che ci renderà liberi, dall`impegno per la giustiza, come forma superiore della conoscenza umana, dall`impegno per la storia e dall`impegno per la cultura poichè solo dall`ignoranza o dall`odio puo essere disprezzato come eredità di ogni singola generazione che ci ha preceduto. La sua mancanza di rispetto, di cancellazione o di alterazione, típica di barbari, denota la suprema audacia del pensiero marxista dell`indottrinamento.

 

Siamo cristiani ed uomini/donne di fede, humiltà e carità, non lasciamo che distruggano la nostra millenaria civiltà, culla della dignità umana e del progresso. ¡MOBILIZZATECI! E ognuno di noi invochi l`indifferente e tutti imporiamo l`auito di Dio. Il giorno sorgerà e Dio si aspetta che abbiamo compiuto al suo mandato e il nostro dovere.

 

La demolizione della monumentale Croce della Valle dei Caduti non è solo un attacco barbaro a un importante bene culturale, bensì un attacco contro i fondamenti su cui è stata crostruiti l`Europa e un passo indietro di diversi decenni nella difesa della libertà.

 

LA ASOCIAZIONE DELLA DIFESA DELLA VALLE DEI CADUTI FA UN APPELLO E CHIEDE SOSTEGNO AI NOSTRI FRATELLI NELLA FEDE PER EVITARE LA DEMOLIZIONE DELLA CROCE.

 

 

 

 

 

 

 

Compartir en: